“Abbiamo vinto!!! Pillon è stato condannato a risarcire Omphalos LGBTI per la diffamazione subita!” da questo post di  Lorenzo Ermenegildi, segretario del circolo di Perugia, veniamo a sapere della condanna del senatore della Lega, promotore del family day (il minuscolo è voluto).

Nel dettaglio il giudice unico di Perugia ha condannato l’avvocato Simone Pillon, a 1.500 euro di multa per diffamazione nei confronti del circolo gay Omphalos per alcuni commenti (quando ancora non era parlamentare) sulla loro attività tra i giovani e nelle scuole. Secondo l’accusa – affermava “falsamente” che un opuscolo per i giovani fosse un invito ad avere rapporti omosessuali, diffondeva “notizie non corrispondenti al vero sull’attività di informazione e prevenzione delle malattie veneree” e additava l’associazione “impegnata in incontri educativi nelle scuole, come istigatrice all’omosessualità”.

Il giudice ha disposto anche il risarcimento, da liquidarsi in sede civile, nei confronti di Omphalos e di un attivista, con una provvisione complessiva di 30 mila euro, al pagamento della quale ha subordinato la sospensione della pena.  Il risarcimento del danno ( le parti civili avevano chiesto 200.000 euro) dovrà essere stabilito successivamente in sede civile.

Il senatore non ci sta e dichiara: “Difendere le famiglie dall’indottrinamento costa caro. E’ il primo grado, non è la sentenza definitiva. Ci sarà lo spazio per l’appello e la Cassazione. Certo è che se difendere le famiglie che non vogliono che i loro figli siano indottrinati con il gender porta a queste conseguenze penso ci sia un problema serio di libertà d’opinione nel nostro Paese. Rifarei tutto, assolutamente sì”

Noi, intanto festeggiamo! un bel segnale per quei “signori”, che non capiscono la differenza tra opinione personale ed insulto.

Mentre lui si lamenta dai social, intanto, i militanti esultano











0 Comments

Leave a Comment

venti − dieci =